Indietro

Gli sfolgoranti colori di Pitti Uomo

Inaugurata alla presenza del neo ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli la 94ma edizione dell'evento internazionale di moda maschile

FIRENZE — Il meglio della moda maschile internazionale in mostra alla Fortezza da Basso di Firenze dove si è aperta la 94ma edizione di Pitti Immagine Uomo con 1.240 marchi, quasi la metà, 561 esteri. Alla cerimonia di inaugurazione in Palazzo Vecchio è arrivato anche per la prima volta nella veste di rappresentante del governo il neo ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli che ha definito la moda una componente chiave della cultura e dell'economia.  "Ricordiamolo - ha detto Bonisoli - la moda è uno dei nostri settori economici e culturali, Pitti Immagine è un esempio di questo, per i quali ci caratterizziamo nel mondo, attraverso cui noi ci rendiamo riconoscibili come italiani. Fa parte dell'essere cittadini di questo paese".

Firenze, ha detto il sindaco Dario Nardella nel corso dell'evento di presentazione, si presenta all'apertura di Pitti Uomo "in grande spolvero, come una città in grado di mostrare al mondo numeri importanti". La città, ha poi aggiunto, può vantare "un 45 per cento in più nella sua bilancia commerciale dall'inizio della crisi a oggi".

In fiera anche Cantarelli, prestigiosa azienda con duecento dipendenti fallita nei mesi scorsi sul cui marchio la kermesse potrebbe accendere nuove luci. In crescita i buyer internazionali mentre i marchi in mostra portano le nuove tendenze del lifestyle e le ricerche dei talenti del Nord Europa e dell'Europa dell'Est. Colori sgargianti e cappelli sotto il sole estivo che ha baciato il debutto dell'intensa quattro giorni fiorentina.

Design e moda ma anche creatività e tecnologia. Tra le aziende in mostra molte hanno scelto Pitti Uomo per portare sulla ribalta i frutti della propria ricerca in innovazione. Ora gli occhi sono tutti puntati sui buyer che si sono dati appuntamento a Firenze, ancora una volta capitale della moda.

Fotogallery


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it