Indietro

A Careggi un prelievo di fegato a cuore fermo

E' il primo intervento del genere effettuato in Toscana, la quarta donazione di prgani a cuore fermo dell'azienda ospedaliero-universitaria fiorentina

FIRENZE — La donazione di organi a cuore fermo è possibile dopo avere accertato il decesso con criterio cardiaco a differenza della donazione a cuore battente dove il decesso viene certificato con "criterio neurologico". In questo caso, dopo avere accertato il decesso è stata avviata una particolare modalità di circolazione extracorporea per mantenere vitali gli organi addominali tra cui appunto il fegato.

Questo ulteriore caso conferma la stabilizzazione del programma nazionale di donazione a cuore fermo avviato da circa due anni dal Centro Nazionale Trapianti (CNT) e dall'Organizzazione Toscana Trapianti (OTT) con il supporto della Regione. Con il coordinamento operativo di queste strutture è stato garantito il percorso di accertamento di morte cardiaca e quindi la programmazione del prelievo di organi.

Nella maggioranza dei casi i donatori sono persone decedute in condizione di morte encefalica, quindi a cuore battente, mentre in quest'altra tipologia di donatore il cuore è fermo e quindi il prelievo degli organi è possibile solo grazie a una procedura clinico chirurgica di alta complessità, con un elevatissimo livello di collaborazione tra strutture e discipline diverse: pronto soccorso, terapia intensiva, cardiologia, cardiochirurgia, nefrologia, Urologia del trapianto. Il percorso è gestito dal coordinatore locale e dal Centro regionale allocazione organi e tessuti.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it