Indietro

Anarchico a processo per la bomba di Capodanno

Il gup ha rinviato a giudizio l'uomo accusato di aver piazzato l'ordigno che ha gravemente ferito l'artificiere Mario Vece. Suo il dna sulla bomba

FIRENZE — Sono pesantissime le accuse con cui il giudice per l'udienza preliminare Francesco Bagnai ha rinviato a giudizio l'anarchico Salvatore Vespertino, nuorese di 31 anni: tentato omicidio e danneggiamento. Vespertino è accusato di aver piazzato materialmente la bomba che la notte di Capodanno 2017 esplose davanti alla libreria 'Il Bargello' di via Leonardo da Vinci, vicina agli ambienti di Casapound. La deflagrazione provocò gravissime ferite a un occhio e a una mano all'artificiere di polizia Mario Vece che stava cercando di disinnescare l'ordigno. 

A chiedere il processo per l'anarchico sono stati i pm Filippo Focardi e Beatrice Giunti sulla base dei risultati delle indagini e delle tracce di dna dell'uomo trovate su frammenti della bomba esplosa nell'attentato. 

In concorso con Vespertino sono accusati degli stessi reati anche gli anarchici Nicola Almerigogna, Pierloreto Fallanca e Giovanni Ghezzi. Essendo però detenuto da molto tempo, per accelerare l'iter processuale, la posizione di Vespertino è stata differenziata da quella degli altri anarchici che sono accusati anche per altri episodi in aggiunta a quello di Capodanno. Per loro è stata fissata al 30 maggio l'udienza preliminare. 

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it