Indietro

Sergio Forconi, mezzo secolo di vernacolo e risate

Foto facebook Maria Federica Giuliani

Teatro di Grassina gremito per festeggiare i cinquant'anni di carriera dell'artista fiorentino, indimenticabile babbo di Pieraccioni nel 'Ciclone'

FIRENZE — Una festa e un amarcord lungo cinquant'anni per Sergio Forconi. E in tanti hanno voluto partecipare per rendere omaggio all'attore che più di tutti incarna il vernacolo fiorentino e la sua 'applicazione' al piccolo e al grande schermo. Tra le pellicole che hanno visto protagonista Sergio Forconi, infatti, spiccano 'Berlinguer ti voglio bene', 'Madonna che silenzio c’è stasera', ‘I laureati’, 'Amici miei, come tutto ebbe inizio'. 

Tra le parti che più lo hanno reso noto al grande pubblico, Forconi può contare su quella del babbo di Levante, Libero e Selvaggia nel 'Ciclone' di Pieraccioni.

In platea presenti anche i rappresentanti delle istituzioni locali. Tra questi il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, il presidente del Consiglio della Regione Toscana Eugenio Giani, la presidente della commissione Cultura del Comune di Firenze Maria Federica Giuliani. 

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it