Indietro

Cobas, i lavoratori pratesi assediano il Consiglio

I lavoratori di Panificio Toscano, Superlativa e Tintogroup hanno chiesto di essere ascoltati in Consiglio regionale. "Violati i contratti nazionali"

FIRENZE — Da Prato si sono spostate a Firenze le proteste dei lavoratori di tre ditte, Panificio Toscano, Superlativa e Tintogroup. I lavoratori si sono radunati in presidio davanti al Consiglio regionale dove è in corso la seduta dell'assemblea toscana e hanno chiesto un incontro urgente con i capigruppo per discutere le rispettive situazioni. 

Lo sciopero arriva dopo giorni di proteste molto animate a Prato in cui si sono verificati anche scontri e tensioni con le forze dell'ordine in occasione di un presidio davanti al Panificio Toscano. Sui manifesti e gli striscioni esposti si legge: "Aziende libere di sfruttare ma gli operai non possono scioperare". 

I manifestanti chiedono certezze sugli accordi sindacali e sulla regolarizzazione dei lavoratori. "I lavoratori - si legge sul profilo Facebook di Sì Cobas Firenze e Prato - sono in sciopero e chiedono oggi si essere ascoltati dai capigruppo del Consiglio su quanto sta accadendo sul territorio pratese. Le recenti agitazioni sindacali hanno riportato alla luce una realtà gravissima di sfruttamento e violazione sistematica delle leggi, delle norme e dei contratti nazionali che deve interessare e impegnare la politica: gli sgomberi violenti dei presidi sindacali effettuati dalle forze dell'ordine in questi giorni sono una risposta non solo sbagliata, ma anche indegna di un paese democratico".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it