Indietro

Tramvia in Libertà, oggi la piazza è una trappola

La progettazione del nuovo tracciato del tram verso Bagno a Ripoli fa emergere le criticità della viabilità attuale su alcuni nodi urbanistici

FIRENZE — L'ipotesi di inserire un sottopasso veicolare nell'area di piazza della Libertà sembra piacere a quanti ritengono oggi la viabilità ferma agli anni '80, quando c'era una passerella in ferro che collegava i lati opposti del viale Matteotti. Con la pedonalizzazione totale o parziale, residenti e commercianti sperano di acquisire nuove staffe di attraversamento in sicurezza, che oggi mancano.

"Oggi il parcheggio è una trappola" commentano i frequentatori dell'area riservata alla sosta a pagamento sul lato Matteotti - Cavour che dopo aver lasciato l'auto non sanno da che parte andare per raggiungere il centro storico. La scelta ricade spesso sullo spartitraffico che separa le due opposte direttrici di marcia e presenta vistosamente il suo uso improprio, basta infatti osservare i viottoli formatisi con il passaggio assiduo dei pedoni.

L'attraversamento fuori dalle strisce pedonali è molto frequente come testimoniano i commercianti della zona che vedono i pedoni sbucare da ogni lato della grande rotatoria che ospita l'antica Porta San Gallo, l'Arco dei Lorena ed una fontana monumentale. Secondo i frequentatori la viabilità elementare sarebbe rimasta ferma a 30 anni fa, ma intanto i flussi turistici sono aumentati così come la funzione del Parterre e sono cambiate le necessità dei pedoni che da tempo cercano due staffe non servite, quella verso l'Arco dei Lorena e quella tra Porta San Gallo e via San Gallo che, a differenza di tutte le altre porte fiorentine, non ha uno sbocco sulla strada con un attraversamento pedonale. Oggi esistono soluzioni ritenute poco pratiche con frammentazione continua delle strisce in varie direzioni. Uno dei tragitti più battuti è quello tra le Poste ed il Parterre. Chi attraversa è oggi costretto a tre step di attraversamento.

I nuovi cantieri sulla piazza sono previsti entro il 2020, si tratta di prolungare il tracciato del tram dalla Fortezza verso viale Lavagnini e successivamente passare intorno a piazza della Libertà dove i binari si snoderanno sul lato del Parterre per poi immettersi in via Cavour e dirigersi in piazza San Marco.
Che regga o meno l'ipotesi, oggi allo studio, di realizzare un sottopasso veicolare per il traffico pubblico e privato su gomma, in tanti sembrano auspicare di poter abbandonare il 1989 ed entrare nel nuovo millennio.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it