Indietro

Bekaert, altri sei mesi di cassa integrazione

La proroga della cig straordinaria per l'azienda di Figline Valdarno inserita in un emendamento alla manovra di bilancio. Vertice al Mise

ROMA — La previsione è che con un emendamento alla legge finanziaria, attualmente in discussione in Parlamento, possa essere prorogata per altri sei mesi la cassa integrazione per i lavoratori della Bekaert. Al tavolo sull’azienda di Figline Valdarno anche il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, i sottosegretari Alessia Morani e Alessandra Todde, i rappresentanti dell’azienda ed i sindacati.

Enrico Rossi ha commentato “Questo è un passaggio fondamentale perché è evidente che il problema della reindustrializzazione di Bekaert non può risolversi nell’arco di qualche settimana. Nell’incontro di oggi è stata presentata una prospettiva di consolidamento del capitale da parte dell’azienda che si è proposta di investire per rilevare le attività della Bekaert e come Regione abbiamo proposto che anche Cassa depositi e prestiti, oltre ad Invitalia, entri nella compagine azionaria; eventualità tanto più opportuna nel caso in cui l’auspicata soluzione con investitori privati non fosse realizzabile. Abbiamo anche chiesto che siano approfondite a valutate le proposte avanzate dalla cooperativa dei lavoratori, che non vanno necessariamente lette come alternative all’altra proposta. Certo, non si deve considerare risolta una situazione finché tutte le tessere del mosaico non sono a posto, ma a questo punto è evidente che sembrano esserci buone prospettive per quanto riguarda il rilancio del sito e per questo diventa dunque decisivo il passaggio sulla Cig”. “Ho confermato al tavolo che la Regione manterrà tutti i suoi impegni, sia riguardo alla possibilità di ingresso di Sici dentro il capitale, sia per quanto riguarda la possibilità di continuare a finanziare, come prevede la legge regionale sull’utilizzo delle risorse del Fondo sociale europeo, le riassunzioni, fino a 8000 euro per ogni lavoratore, e percorsi di formazione. Insieme a questo, sempre con fondi a disposizione della Regione, sosterremo investimenti per rinnovare macchinari e tecnologie a fronte di progetti cofinanziabili” ha concluso il governatore.

I sindacati sono usciti dall'incontro al ministero dello Sviluppo Economico con la proroga della cassa integrazione e con due piani industriali da confrontare, a renderlo noto è stato il segretario Fiom, Daniele Calosi.

"Due i piani industriali portati all'attenzione del ministero e dell'azienda, quello di Trafilerie Meridionali e quello della cooperativa appena nata e costituita tra i lavoratori con il sostegno di Lega Coop Toscana, la Steel Coop Valdarno. Oggi abbiamo segnato un’altra piccola vittoria dei lavoratori e del sindacato in una guerra in cui ci avevano già dati per sconfitti" ha commentato Calosi.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it