Indietro

Volevano il Franchi ma adesso temono le ruspe

I fiorentini che si sono battuti per la riqualificazione dell'Artemio Franchi temono ora il superamento dei controlli da parte della Soprintendenza

FIRENZE — Si sono battuti per mantenere lo stadio a Firenze ed hanno raccolto le firme per chiedere la riqualificazione dell'impianto realizzato da Luigi Nervi nel 1930, adesso però, alla luce della normativa che supera i paletti della Soprintendenza, si dicono preoccupati e parlano di "precedente rischiosissimo". Sono i Fiorentini per il Franchi che oggi commentano "Fa piacere in particolare a noi, co-fondatori del comitato Vogliamo il Franchi, che fin dall’inizio ci siamo battuti per la causa raccogliendo adesione e sostegno, che venga restaurato e ammodernato, evitando così alla Fiorentina di traslocare nel contado, con l’abbandono in città di un costoso rudere ingestibile ma piace poco e punto una vittoria raggiunta per via politica, in vista di elezioni, che crea un rischiosissimo precedente mettendo fuori gioco la tutela della soprintendenza".

Il futuro dell'Artemio Franchi fermo in un limbo in attesa di notizie da Campi Bisenzio, può passare ora per la riqualificazione dell'impianto, una nuova modernizzazione dopo i lavori effettuati negli anni '90 e successivi, dall'eliminazione della pista di atletica alla realizzazione degli sky box.

"Se lo stadio Franchi è stato considerato fin qui un’opera d’arte, non era impossibile garantirne la sopravvivenza aggiornandolo dove consentito, ma salvaguardando le parti nobili. Con le moderne tecnologie ormai è solo questione di volontà e la Fiorentina avrebbe così avuto il suo impianto all’altezza degli standard europei, con in più la qualifica di monumento. Non solo vari soprintendenti, ma gli stessi architetti mettono in guardia e citano ipotesi allarmanti. Qui ci limitiamo a ricordare quanto troppi dimenticano: che se Firenze è ancora la splendida città che è, se le sue colline non sono invase dal cemento come a Genova, Napoli e altrove, lo si deve ai funzionari dello Stato che hanno stroncato sul nascere non pochi tentativi palazzinari" hanno concluso i Fiorentini per il Franchi.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it