Indietro

Ampliamento del Vespucci, altri esposti in procura

Li ha presentati il coordinamento dei comitati per la salute della piana di Prato e di Pistoia: "L'aeroporto di Firenze non è a norma"

FIRENZE — I comitati che lottano da anni contro il potenziamento dell'aeroporto di Peretola la scorsa settimana hanno presentato nuovi esposti al prefetto di Firenze ed al procuratore capo presso la procura per informare le autorità competenti "che lo scalo non è a norma di legge".

"Tale decisione è stata presa dopo aver verificato, in base alla documentazione in nostro possesso e consegnata alle autorità, delle pesanti omissioni relative agli obblighi precettivi del decreto di Via 0676/2003, che sulla base di reiterate situazioni come questa prevedono anche la chiusura o il forte ridimensionamento dell’aeroporto" si legge in una nota dei comitati.

"Le prescrizioni tuttora vigenti, come dichiarato dal Ministero dell’ambiente, non sono afferibili solo alla parte infrastrutturale delle opere ma riguardano anche gli aspetti ambientali e di tutela della salute pubblica a fronte delle quali è stata implicitamente accettata dagli organi proposti al controllo una gestione operativa volta allo sviluppo aeroportuale incondizionato, senza le opere compensative e mitigative previste nel Decreto di Via - proseguono i comitati - Queste prescrizioni precettive sono disgiunte da quelle infrastrutturali a fronte delle quali qualcuno oggi cerca disperatamente di coprire le proprie responsabilità sui mancati controlli. Infatti le prescrizioni ambientali erano prerogativa indispensabile per la tutela della salute pubblica, basti solo pensare alle delocalizzazioni delle abitazioni contermini alla pista, attuate per l’aeroporto di Pisa in Via Carrareccia e negate a Firenze nonostante il decreto di Via".

"Viste le pesanti e certificate omissioni, si invitano i cittadini di Peretola-Brozzi-Quaracchi a valutare azioni di responsabilità verso i soggetti inadempienti - conclude il coordinamento -  Il nostro team di legali si mette a disposizione per eventuali consulenze e/o inizio di azioni risarcitorie per i danni subiti".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it