Indietro

"Una storia di ieri proiettata verso il futuro"

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all'Istituto degli Innocenti: "Un'iniziativa di avanguardia sul piano sociale e di grande generosità"

FIRENZE — Dopo la visita all'interno del complesso rinascimentale il presidente della Repubblica è intervenuto durante le celebrazioni dei 600 anni dell'Istituto degli Innocenti.

"Questo straordinario complesso - ha detto Mattarella - con il portico del Brunelleschi arricchisce la sostanza e il contenuto di quello che questo istituto continua a fare: un'iniziativa di avanguardia sul piano sociale e di grande generosità, impersonata da Francesco Datini. Non stiamo ricordando una storia passata ma una storia dell'oggi proiettata verso il futuro, da Agata Smeralda, la prima piccola accolta qui, nulla proietta come i bambini verso il futuro: complimenti più intensi all'istituto".

Per questo motivo il capo dello Stato, che pocoprima ha visitato la 'Casa bambini', l'archivio storico e il museo dell'istituto, rivolge i "complimenti piu' intensi".

Il presidente, prima di tutto, ha voluto salutare i presenti, ma in particolare i bambini, compresi quelli del piccolo coro de Il Melograno che poco prima avevano cantato l'inno d'Italia. Poco prima, insieme alla presidente dell'Istituto degli Innocenti, il presidente ha visitato l'archivio storico e il museo.

"Sono davvero felice di essere qui oggi, alla presenza del Presidente della Repubblica, in occasione di un anniversario tanto importante. Mi piace ricordare in questa sede la visita del Capo dello Stato all'ospedale Meyer dello scorso dicembre, una visita che si ricollega idealmente all'occasione di oggi, nel segno di una costante vicinanza ai temi della cura dell'infanzia, emblematica di una più generale attenzione nei confronti delle parti più deboli della società".

Con queste parole il presidente Enrico Rossi ha accolto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella Sala Brunelleschi dell'Istituto degli Innocenti, per la cerimonia inaugurale delle celebrazioni per il Seicentenario dell'Istituto. Per la Regione, erano presenti alla cerimonia anche le assessore all'istruzione Cristina Grieco e al diritto alla salute e al welfare Stefania Saccardi. La cerimonia e' stata aperta dai bambini del piccolo coro del Melograno, poi un video ha illustrato la storia dell'Istituto e le attività previste dalle celebrazioni dei 600 anni. Sono seguiti gli interventi di Maria Grazia Giuffrida, presidente dell'istituto e del sindaco di Firenze Dario Nardella. Poi è stata la volta del presidente Rossi.

"L'Istituto degli Innocenti - ha ricordato Rossi - non si limita a nutrire e accudire i bambini, ma li educa e li integra nella società: questa è l'idea a cui l'Istituto si è sempre ispirato nel corso della sua storia. Oggi l'Istituto cerca di svolgere questo compito anche attraverso un'intensa attività di ricerca e monitoraggio sui diversi fenomeni che riguardano bambini e adolescenti, fornendo strumenti per la conoscenza dei cambiamenti che riguardano le nuove generazioni e i loro bisogni e la tutela dei loro diritti, in un'ottica di programmazione degli interventi in ambito sociale, sociosanitario ed educativo".

"Questo è un giorno di festa per Firenze". Ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, intervenendo alla celebrazioni per i 600 anni dell'istituto degli Innocenti. "L'istituto - ha detto - nasce per tutelare l'infanzia negata. L'atteggiamento che una società riserva all'infanzia indica il grado di civiltà e i valori che ne sono alla base: una società che non è in grado di proteggere i bambini non ha futuro o comunque è un futuro carico di incertezze".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it