Indietro

Casa Albergo, sfratti in corso all'Isolotto

Salta la trattativa che vedeva il Comune di Firenze impegnato a rilevare e ristrutturare lo stabile di via Chiusi per quattro milioni e mezzo di euro

FIRENZE — Sfratti in corso nell'ex Casa Albergo di Poste Italiane di via Chiusi all'Isolotto. Il Sunia Firenze riesce ad ottenere un rinvio, ma nei prossimi giorni altre due famiglie, delle dodici ancora presenti nello stabile, riceveranno la visita dell'ufficiale giudiziario.

Laura Grandi, segretaria del Sunia Firenze, spiega a QuiNews: "Stiamo lavorando per prorogare le esecuzioni in un clima surreale perché gli inquilini attendevano l'acquisizione dell'intero palazzo da parte del Comune di Firenze". Ma nei giorni scorsi la trattativa è formalmente saltata.
"L'impegno economico sarebbe stato considerevole - spiega Laura Grandi - circa cinque milioni di euro per l'acquisizione più altri tre milioni minimo stimati per la riqualificazione, ma la società di Poste Italiane che ha in gestione la struttura ha rifiutato l'offerta".
"Peccato - prosegue - perché la ristrutturazione avrebbe potuto dare una risposta all'esigenza abitativa della città di Firenze. Adesso siamo molto curiosi di sapere che fine faranno gli alloggi e se vi sono possibilità di mantenere l'attuale destinazione d'uso o se in programma vi siano variazioni".

La storia della Casa Albergo. "Si tratta di un immobile di circa 90 appartamenti - ricorda Grandi - che Poste utilizzava per assegnare un alloggio ai propri dipendenti. Nel tempo le assegnazioni sono state fatte anche ad altri soggetti, oggi ad esempio ci troviamo anche operatori sanitari. Alcune famiglie si trovano da 5 anni in un limbo poiché i contratti di locazione non hanno un canone prestabilito, diciamo che i problemi sono nati quando è stato richiesto di partecipare agli oneri condominiali. Sono tutti assegnatari che hanno ricevuto regolarmente le chiavi, non ci sono occupanti".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it