Indietro

Si teme l'effetto Covid sulla raccolta dei rifiuti

I sindacati hanno rivolto un appello ai sindaci affinché i servizi di raccolta, smaltimento e pulizia siano rimodulati in base alle nuove esigenze

FIRENZE — L'emergenza Coronavirus ha stravolto l'attività della raccolta e smaltimento dei rifiuti, sospendendo alcune attività come la raccolta ingombranti e le isole ecologiche e potenziando la raccolta porta a porta e la sanificazione delle strade, ma le abitudini sono cambiate e se in centro storico i rifiuti sono quasi spariti, sono invece aumentati nelle periferie.

"Alia sarà tra le poche se non l'unica che non riprenderà a pieno le proprie attività dal 4 maggio 2020. La prospettiva fondata per diversi lavoratori, già in Fis dal mese di aprile, circa 350 dipendenti a settimana, è che questo ammortizzatore sociale venga loro prolungato anche per il mese di maggio" è questo l'allarme lanciato dalla Fp Cgil della Rsu e la Fp Cgil Firenze-Prato-Pistoia.

I sindacati spiegano in una nota "Abbiamo chiesto che questi lavoratori vengano reintegrati, ma in risposta abbiamo ricevuto una serie di pretestuose obiezioni, secondo le quali sarebbe impossibile farlo. Per noi è inaccettabile. I 2.163 lavoratori di Alia non si meritano di pagare di tasca propria per le pigrizie della direzione aziendale, che attraverso ammortizzatori sociali e sospensione degli appalti abbattono il costo del lavoro. Le misure di contenimento al Covid19 hanno rivoluzionato, insieme all’economia delle nostre città, anche l’organizzazione della raccolta dei rifiuti da parte di Alia nell’area vasta. I rifiuti sono variati nella loro composizione e localizzazione, ma non sono diminuiti. Ci sono meno carta e cartone specialmente nei centri storici, ma in periferia la quantità di rifiuti è aumentata, con un presumibile aumento dei costi legati allo smaltimento, visto il trend pre-emergenza dovuto alle difficoltà impiantistiche. I servizi sono cambiati, con meno spazzamenti delle strade, ma con l’aumento di attività come quelle di sanificazione o come il nuovo servizio di raccolta domiciliare degli utenti positivi in quarantena obbligatoria".

La nota sindacale prosegue "La riorganizzazione dei servizi, nella prima fase emergenziale, ha visto, oltre alla rimodulazione dei servizi di raccolta, anche la chiusura e la sospensione di attività previste dai contratti di servizi tra Ato Toscana Centro e Alia. Si tratta di servizi come gli sportelli Tariffa ed Infopoint, gli Ecofurgoni e gli Ecocentri oppure quei servizi di consegna dei sacchi o di contattazione per la consegna dei kit della raccolta porta a porta nei comuni che dovevano passare a tale modalità, oppure i servizi di prenotazione e ritiro di ingombranti e di conferimento degli abiti usati, così come l'attività degli ispettori ambientali. Tutti servizi per i quali la chiusura ha significato un sacrificio da parte dei lavoratori che hanno subito l’attivazione degli ammortizzatori sociali fino al 4 maggio. Ora serve un piano per garantire la raccolta in piena sicurezza anche in relazione all’aumento dei carichi di lavoro del porta a porta, serve un controllo del territorio contro gli abbandoni che si registrano numerosi, serve dare risposte ai bisogni dei cittadini attraverso la missione dell’azienda, quella di fare servizi di igiene ambientale appunto, che nel bel mezzo di una emergenza sanitaria sono indispensabili per le nostre comunità. Ci appelliamo ai sindaci proprietari dell’azienda e facenti parte del direttivo di Ato Toscana Centro perché ci sia un cambio di passo verso questa direzione, con una ripresa dell’attività lavorativa diretta e degli appalti, perché temiamo che ogni sacrificio che oggi viene chiesto, senza un progetto generale, non si tradurrà nemmeno in fantomatici minori costi per i Comuni o tanto meno per le tariffe dei cittadini" hanno concluso i componenti Fp Cgil della Rsu Alia - Segreterie Fp Cgil di Firenze, Prato e Pistoia.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it