Indietro

I precari delle emergenze chiedono una assunzione

I precari che intervengono dai terremoti al coronavirus e lavorano in appalto per la Protezione civile chiedono di essere assunti dagli enti pubblici

FIRENZE — Sono definiti tecnici di Protezione civile, ed intervengono in caso di terremoti, alluvioni e adesso per l'emergenza coronavirus, in prima linea reperibili 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno, adesso chiedono di essere assunti dagli enti pubblici. 

La Cgil fiorentina ha reso noto che i precari hanno scritto una lettera aperta a Sergio Mattarella, Angelo Borrelli, Giuseppe Conte, Enrico Rossi, Eugenio Giani, Dario Nardella, Prefetto di Firenze, Upi, Anci Toscana, Unione dei Comuni mugellani, Comune di Sesto Fiorentino e centri fiorentini di Protezione civile per chiedere per loro e per tutti i loro colleghi “forme di dignità professionale riconosciute”, cioè essere assunti dagli enti pubblici per cui operano.

Francesco Belli di Fp Cgil Firenze ha commentato “Il servizio nazionale di Protezione Civile è un sistema complesso, ma in alcuni casi, dal punto di vista occupazionale, risulta un'entità astratta. Questi lavoratori operano su servizi delegati agli Enti locali e svolgono funzioni nevralgiche per il funzionamento del sistema. Ma lo fanno alle dipendenze di Cooperative che lavorano in appalto, con stipendi inadeguati e con pochi diritti. Senza di loro, senza la loro alta professionalità e, mi permetto di aggiungere, la loro forte vocazione, non saremmo in grado di gestire le emergenze. Abbiamo aperto un confronto alcuni dei Comuni interessati ma, al netto di Sesto Fiorentino dove pare ci sia la volontà di risolvere la questione anche attraverso il confronto sindacale, negli altri territori non si intravedono ancora soluzioni concrete al problema che i lavoratori pongono. Chiediamo pertanto ai Comuni, alla Città metropolitana ed alla Regione di attivarsi e di dare risposta a questi lavoratori che, molto coraggiosamente, hanno deciso di esporsi raccontando a tutti le istituzioni la loro condizione”.

"E' mai possibile che, dopo anni di elogi, di complimenti, di dimostrazioni di orgoglio da parte di tutti a tutti i livelli nei confronti della Protezione Civile, l’Italia si trovi ancora a fare affidamento a risorse non riconosciute ufficialmente - come i tecnici di Protezione Civile - incaricate o assunte con i contratti più fantasiosi e disparati, quasi mai stabili e sempre soggetti a mille cambiamenti e possibilità di interruzioni o speranze di proroghe?”, si chiedono i lavoratori nella lettera. “Noi con professionalità e senso del dovere rappresentiamo ogni giorno le amministrazioni quando siamo in servizio, ma questa non deve diventare la scusa per farcelo diventare una sorta di volontariato retribuito”, si legge.

La lettera conclude “Noi stiamo svolgendo questa attività da anni e anni, abbiamo costruito gli uffici, li abbiamo organizzati, vissuti e sviluppati. Abbiamo imparato a conoscere i territori e abbiamo curato tutti i rapporti utili all'attività. In molti casi siamo diventati punti di riferimento per gli stessi territori. Questo è il nostro lavoro e vorremmo soltanto che ci venisse riconosciuto per quello che è. Vorremmo lavorare come tecnici di Protezione Civile, ma inquadrati con la corretta forma professionale anche a fronte dell’investimento personale di molti di noi nell'acquisizione di certificazioni, vedi Disaster Manager, e nella formazione continua e specifica in tale settore”.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it